Pubblicazione bando OCM 2016-2017

Pubblicato il Pubblicato in OCM vino 2016, Piani OCM vino

E’ stato pubblicato il bando nazionale (https://goo.gl/6KaOp2) per la presentazione dei progetti di promozione nei Paesi Terzi finanziati con l’Ocm Vino, per la campagna 2016/1017: 100 milioni di risorse, 30 gestiti a livello nazionale, 70 dalle Regioni.

L’importo del sostegno a valere sui fondi europei è pari al massimo al 50% delle spese sostenute per le azioni ammissibili; possono usufruire del bando i progetti aventi un importo complessivo minimo, ammesso a seguito dell’istruttoria di valutazione, per Paese terzo/anno non inferiore a 50.000 euro.

Scadenze

Il tempo per presentare le domande scadrà il 30 giugno entro le h 15, mentre le Regioni, una volta fissate le loro scadenze, dovrebbero avere come limite il 15 luglio per far arrivare al Ministero l’elenco dei progetti multiregionali approvati, e il 22 luglio per quelli regionali, con il Ministero stesso che dovrà poi inviare entro il 26 luglio, ad Agea, la lista completa dei progetti regionali, multiregionali e nazionali approvati.

Entro il 21 settembre, poi, i beneficiari dei co-finanziamenti dovranno presentare uno schema di contratto ad Agea, che poi dovrà stipulare i contratti definitivi con i beneficiari entro il 12 ottobre 2016.

I progetti presentati dovranno avere durata minima di 12 mesi, e massima di 24 mesi, “in considerazione del termine della programmazione di cui al Programma Nazionale di Sostegno del Vino 2014/2018”.

Criteri di priorità

Tra i criteri di priorità quelli più premianti (20 punti) sono il fatto che il proponente non abbia mai beneficiato della misura nella programmazione 2014-2018, e che il progetto sia mirato ad un Paese Terzo (o ad un nuovo mercato di un Paese Terzo) in cui un beneficiario nello stesso periodo non abbia messo in campo altri progetti. Con 10 punti, poi, il fatto che nel progetto prevalgano azioni di diretto contatto con i consumatori finali, che riguardi esclusivamente vini Dop e/o Igp, che il beneficiario presenti una forte componente aggregativa di piccole e/o microimprese, e che il progetto sia rivolto ad un mercato emergente. 5 punti, infine, per chi richiede un contributo pubblico inferiore al 50% massimo, per progetti che riguardano esclusivamente vini Docg, per chi commercializza solo vini di propria produzione, e se il beneficiario è un Consorzio di Tutela.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *